Torre Faro …

… da un lato all’altro dello Stretto

L’ultima uscita fotografica ci ha portato in Sicilia, precisamente a Messina, ¬†dove insieme ad alcuni amici che ci stavano aspettando per farci da guida, ci siamo messi in marcia per raggiungere la spiaggia di Torre Faro, e fare qualche bella foto paesaggistica “all’ombra” del Pilone ūüôā

Questa volta abbiamo scelto di muoverci in treno quindi, fatti i biglietti alla stazione di Gioia Tauro e “recuperata” Maria Francesca alla fermata di Bagnara Calabra, ci siamo incontrati con Luca a Villa San Giovanni per fare la traversata dello Stretto a bordo dell’aliscafo.

Il caldo intenso ci ha subito convinti a prendere il primo mezzo utile per raggiungere in fretta la spiaggia di Torre Faro (e magari fare anche un bel bagnetto di inizio estate).

Raggiunto il Pilone abbiamo iniziato a fotografare il paesaggio ma anche le viuzze e i passanti. Anche se nessuno lo ha detto, di sicuro tutti abbiamo invidiato i bagnanti, un tuffo ci stava proprio (N.B. per le¬†prossime uscite, ricordarsi di portare il costume ūüôā ).

Oltre al mare e al Pilone ci siamo soffermati anche a fotografare un vecchio  capannone abbandonato, che abbiamo sfruttato come location per scattare qualche ritratto.

POV interessanti e che si prestano molto alla fotografia creativa, speriamo di aver fatto qualche scatto discreto ūüôā

Prima di rientrare abbiamo¬†preso un buonissimo gelato “vista mare”. Granite e gelati in Sicilia sono davvero il top del top quindi non potevamo rinunciarci.

Dopo aver ringraziato Silvio (la nostra guida) per la sua disponibilit√† e gentilezza ci siamo imbarcati per tornare in Calabria. Qualche foto al tramonto sul traghetto, un’arancina e gi√† stavamo attraccando al porto di Villa.

In conclusione, √® stata davvero una bella giornata fotografica e adesso non ci resta che vedere gli scatti dei nostri fotoamatori… che saranno pubblicati nei prossimi giorni su questa pagina.

Articolo, foto sopra e foto di copertina di Giuseppe Tripodi

 

Seguici nelle nostre pagine sociali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *