Soveria Mannelli

La nostra ultima uscita fotografica ci ha fatto conoscere meglio un piccolo paesino della provincia di Catanzaro, dove tutti gli abitanti si conoscono e tutti concorrono in perfetta armonia per migliorarlo sempre di più. Non mancano le idee né le forze per realizzarle

Soveria Mannelli 

è una bellissima realtà immersa nel verde che merita di essere visitata in qualunque periodo dell’anno.

Un post condiviso da Fotoamatori gioiesi (@fotoamatorigioiesi) in data:

Come al solito, cercheremo di raccontare un pezzo di Calabria con le nostre fotografie, la pagina è pronta, aspettiamo solo gli scatti dei nostri fotoamatori per completarla.

Un piccolo centro in cui ogni cosa viene valorizzata, che si tratti dell’arte di lavorare i tessuti o di scolpire bellissime opere col polistirolo, di una antica targa inchiodata sulla parete esterna di un Palazzo storico o, semplicemente di decorare coi fiori i balconi o terrazzini degli edifici, nulla viene lasciato al caso o  isolato dal contesto unitario in cui si sviluppa. E così non ci stupisce affatto se il lanificio più antico della Calabria (tutt’ora funzionante) si trova proprio in questo piccolo centro urbano della Sila piccola o se una scritta in polistirolo domina l’ingresso di una chiesetta.

E’ proprio il caso di dire che è il particolare che fa la differenza e per rendersi conto di tutto ciò basta, ad esempio, fare una passeggiata nella frazione di San Tommaso dove il nostro sguardo sarà rapito non solo dai giardini delle abitazioni, tutti belli e curati che sembrano richiamarsi a vicenda come se fossero opera di un unica mano, ma anche a quei semplici oggetti del quotidiano che in altri contesti apparirebbero datati, démodé, e che invece qui  caratterizzano la zona.

La vecchia insegna del telefono a gettoni che viene fuori dal muro di un palazzo o la bacheca pubblica sulla via principale del paese non sono altro che gli ingredienti che alla fine ti fanno apprezzare un luogo anche solo per la sua semplicità. Il “tocco magico” è invece la gentilezza, la cordialità e la spontaneità delle persone che da subito, anche se sei armato di “macchina fotografica” ti fanno sentire in famiglia.

*******

Di seguito gli scatti inviati dai fotoamatori che hanno partecipato all’uscita:

Foto di Antonio Sorace

Foto di Francesca D’Agostino

Foto di Maria De Maio

Foto di Ruggero Raso

Foto di Orsola De Maio

Importante : Vi ricordo che le fotografie scattate durante l’uscita di Soveria Mannelli, quella di Pizzo Calabro e quella del Parco Nazionale dell’Aspromonte potranno partecipare al nostro concorso interno e, pertanto, scegliete con cura le tre immagini da inviare (tramite e-mail) dando preferenza a quelle che meglio descrivono il nostro territorio, la nostra storia e le tradizioni della Calabria. In bocca al lupo 🙂

2 risposte a “Soveria Mannelli”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *